logo-autogeniusricambi R03

numeroverde

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza utente. Clicca il pulsante 'Accetto' per accettare i cookie, altrimenti clicca sul pulsante 'No grazie'. I cookie tecnici sono in ogni caso installati per consentire il corretto funzionamento del sito.

Visualizza l'informativa sui cookie completa

Non hai accettato i cookie, quindi gli unici cookie installati sono quelli tecnici, necessari per il corretto funzionamento del sito. Sei ancora in tempo per ripensarci, attivando tutti i cookie e avere una esperienza migliore sul nostro sito.

Hai acconsentito all'installazione dei cookie. Puoi cambiare la tua decisione in qualsiasi momento.

Lunedì, 25 Marzo 2013 17:49

Un auto d'epoca: Lancia Beta Trevi

Vota questo articolo
(0 Voti)
Lancia Beta Tevi 2000 Volumex Lancia Beta Tevi 2000 Volumex

Nata una trentina di anni fa la Lancia Beta Trevi rimane ancora un’automobile interessante. Versione a tre volumi (da qui il nome ‘Trevi’ che non proviene quindi dalla nota località dell’Umbria e tantomeno dalla Fontana di Trevi a Roma), motorizzata con bialbero 1600 e 2000, a carburatori e poi ad Iniezione Elettronica, vanta nella sua ultima versione anche il Compressore Volumetrico ‘Volumex’. Il bialbero proviene da quello della Fiat 131, ma sulla Trevi è montato in maniera trasversale ed opportunamente ottimizzato in potenza e relativamente al cambio che è anteriore ed alla trazione che è anch’essa anteriore.

Dal  motore 1600 al 2000 si va da potenze di 100 Cv (73 Kw) a 122 Cv (90 Kw) per arrivare ai 135 Cv (99Kw) della splendida ‘Volumex’. Gli allestimenti sono identici a quelli della versione a due volumi, che ha avuto più fortuna ed è stata prodotta per più anni. La Lancia Beta Trevi segna una svolta alla Lancia (anche se già da tempo Gruppo Fiat) per quanto attiene l’innovazione tecnica e l’elettronica che la gestisce. La plancia è eccezionale e fuori dai design del tempo, i circuiti elettrici e lo status dei liquidi del motore è monitorato da spie ed indicatori a lancetta. Un ‘Check Control’ prima della messa in moto da l’ok per partire ed avverte in caso di malfunzionamenti gravi. L’impianto di aerazione ha le bocchette a comando pneumatico ed i fari sono ad autolivellamento. Le finiture sono eccellenti, l’impianto elettrico è realizzato con materiali di grande qualità. Le prestazioni sono da berlina media, il comfort la fa da padrona senza disdegnare scatti di potenza molto apprezzabili.

Letto 58261 volte Ultima modifica il Mercoledì, 03 Aprile 2013 12:51

Condividi sui Social

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ultimi 5 Articoli Tecnici